Vai al link
Prosegui

Il Sistema educativo

Il nostro sistema educativo innovativo per la scuola dell' infanzia e della scuola primaria

Modello Educativo

mod_educativo_icon

La Young Thinkers School è la nuova scuola di Milano nata per offrire ai bambini dai due ai dieci anni un’esperienza indimenticabile durante la quale possano sviluppare le abilità necessarie a costruire il proprio sapere imparando a muoversi nel lungo e complesso percorso di studi.

Ognuno di loro imparerà a conoscere e a realizzare l’esclusivo ed irripetibile potenziale che possiede. Il bambino verrà accompagnato nello sviluppo di tutte le sue dimensioni ponendo attenzione non solo alle conoscenze, ma anche alla qualità del sentimento e delle relazioni. Si darà valore all’originalità di ogni bambino, coltivandone le singole individualità e qualità, rafforzando e consolidando le sue funzioni espressive.

Il modello educativo adottato si basa sulla visione di Howard Gardner e sull’applicazione delle tecniche di Edward De Bono.

Howard Gardner, psicologo statunitense e docente presso l’Harvard University, ha teorizzato cinque differenti tipologie di intelligenza:

  • L’intelligenza creativa, responsabile di far emergere il potenziale creativo presente in ogni studente, superando i processi mentali basati solo sul pensiero logico. L’intelligenza creativa si spinge sul terreno dell’innovazione. Propone nuove idee, pone interrogativi inconsueti, inventa nuovi modi di pensare, fornisce risposte inaspettate.
  • L’intelligenza disciplinare, cioè la padronanza del maggior numero di discipline, teorie e interpretazioni. Si avvale di una modalità di pensiero orientato alla conoscenza in un ambito particolare, che sarà quello dove si potrà raggiungere l’eccellenza.
  • L’intelligenza sintetica, la capacità di integrare idee e conoscenze di diverse aree. Le fonti di informazioni sono vaste e non tutte affidabili, perciò è inoltre necessario fare una selezione e compiere una sintesi.
  • L’intelligenza rispettosa, la consapevolezza delle differenze tra uomini e culture diverse. È il modo di pensare di chi accoglie le diversità che esistono tra i singoli e tra le comunità.
  • L’intelligenza etica, l’accettazione delle proprie responsabilità. La coscienza di sé e del proprio ruolo e, di conseguenza, i propri obblighi e oneri. Caratterizza l’individuo che comprende qual è la natura della sua relazione con il mondo e costruisce le sue azioni a partire da questa consapevolezza.

La Young Thinkers School mira a uno sviluppo equilibrato del bambino in cui queste intelligenze si armonizzano per fornire loro le chiavi per affrontare e vincere le sfide del presente e del futuro.

Edward De Bono è considerato da molti come la principale autorità internazionale sul pensiero creativo e l’insegnamento diretto delle innumerevoli abilità del pensiero. È il creatore del concetto di “pensiero laterale“, un’espressione affermatasi nell’uso del linguaggio comune e accolta come neologismo anche dall’Oxford Dictionary. De Bono, autore di vari libri tra cui “I Sei Cappelli per Pensare”, immediatamente adottato da aziende ed educatori di tutto il mondo, afferma che, se si affronta un problema con il metodo razionale del pensiero, si ottengono risultati corretti, ma limitati dalla rigidità dei modelli logici tradizionali. Quando si richiede invece una soluzione veramente diversa e innovativa, il pensiero verticale, cioè quello basato sugli schemi logico-deduttivi, non può aiutare molto: si deve al contrario stravolgere il ragionamento, partire dal punto più lontano possibile, ribaltare i dati, mescolare le ipotesi, negare certe sicurezze e addirittura affidarsi ad associazioni di idee del tutto casuali.

La Young Thinkers School ha adottato questo metodo e si avvale di insegnanti altamente specializzati e certificati a livello internazionale.

La Young Thinkers School insegna inoltre ad avvicinarsi al mondo con una mente aperta e non condizionata, secondo l’apprendimento mindful, la capacità cioè di porsi rispetto alla conoscenza in modo possibilista, notando le differenze e le novità, guardando da prospettive diverse e ponendo attenzione alla distinzione. Attraverso l’allenamento a inibire le risposte automatiche e a osservare le emozioni senza farsi assorbire da esse, si giunge ad un miglioramento della capacità attentiva e di esecuzione oltre alla riduzione dei livelli di ansia e stress.

E ancora, secondo i canoni della suggestopedia moderna, il bambino è incoraggiato all’apprendimento inconsapevole, raggiungendo una conoscenza più veloce, con minor sforzo e più duratura, in un ambiente rilassato e soprattutto eliminando i fattori d’ansia caratteristici dell’insegnamento scolastico tradizionale.

Alla Young Thinkers School si parlano le lingue del mondo: oltre naturalmente all’italiano, si parla in inglese per circa il 50% delle ore di scuola e sin da piccoli si ha un primo contatto con il cinese e l’arabo. Il tutto con il supporto di insegnanti madrelingua e dell’utilizzo del metodo di sviluppo sensoriale Tomatis (tecnica di stimolazione sonora finalizzata a migliorare il funzionamento dell’orecchio, la comunicazione verbale, la consapevolezza dell’immagine corporea, il controllo audiovocale e quello motorio).

Si impara a conoscere il linguaggio delle arti: musica, teatro, psicomotricità, arte ed immagine:

  • il percorso musicale inizia da 3 anni con l’ear training (educazione dell’orecchio musicale secondo le modalità operative teorizzate da Edwin Gordon nella Music Learning Theory) e la pratica del canto corale. Prosegue con l’insegnamento di uno strumento a partire dai 6 anni (violino, pianoforte, flauto, chitarra). E’ obiettivo della Scuola formare un coro, una vera e propria orchestra di bambini attraverso la quale possano crescere nell’affascinante esperienza del fare musica insieme.
  • Uno specifico percorso teatrale, consentirà l’espressione dei bambini nella loro globalità, offrirà strumenti di facilitazione relazionale, di interazione di gruppo e di presa di coscienza della propria identità psicofisica. Le tecniche teatrali consentiranno ai bambini di conoscersi in un clima ludico: attraverso la corporeità, il gioco e la vocalità, il comunicare diventa più semplice e questo consentirà ai bambini di abbandonare le difese e di percepire se stessi e gli altri in modo positivo.
  • La psicomotricità è una disciplina che intende valorizzare la sinergia tra esperienza corporea ed immagine mentale, tra azione e mondo interiore, tra atto ed intenzionalità, considerando il bambino in un’ottica d’integrazione tra gli elementi esperienziali, emozionali ed intellettivi.
  • Il linguaggio di arte e immagine orienta il bambino nella sua propensione ad esprimere pensieri ed emozioni con creatività, educando al piacere del bello e al sentirsi estetico. L’incontro dei bambini con l’arte è occasione per guardare il mondo con occhi diversi.

Alla Young Thinkers School non può, infine, mancare la più moderna tecnologia digitale a supporto di comprovati metodi di insegnamento: con Snappet, i bambini dai 4 anni in su, utilizzano individualmente tablet interattivi, sono più motivati all’apprendimento, ricevono feedback più veloci e imparano di più e più rapidamente anche grazie a percorsi di apprendimento personalizzabili.

Tutti gli insegnanti opereranno nella convinzione di contribuire alla realizzazione di un mondo migliore e vorranno sviluppare in ogni bambino questo stesso desiderio. Saranno i più fieri alleati dei genitori nell’accompagnare i bambini nel loro percorso per diventare futuri uomini e future donne capaci di orientarsi nelle complessità della vita.

Vi aspettiamo alla Young Thinkers School : la scuola ideale per i bambini dai 2 ai 10 anni, la scuola per i giovani pensatori